Artrosi

Ozono e Artrosi

Artrosi

L’artrosi, anche chiamata malattia degenerativa delle articolazioni o osteoartrosi, è la forma più comune di artrite e si manifesta quando la cartilagine delle articolazioni si logora.

L’artrosi può colpire qualsiasi cartilagine ma le parti maggiormente a rischio sono le articolazioni di:

mani;
anca;
ginocchio;
collo.

Con il tempo l’artrosi peggiora gradualmente e non è possibile curarla ma alcuni trattamenti contribuiscono ad alleviare il dolore e controllarne i sintomi.

Sintomi

I sintomi dell’artrosi spesso si sviluppano lentamente e peggiorano con l’andare del tempo. Possono essere riassunti in:

• Dolore, che solitamente si accentua con il movimento e si riduce con il riposo. Con il progredire della malattia, il dolore può presentarsi anche a riposo ed essere accompagnato da una sensazione di rigidità mattutina, generalmente di breve durata.
• Rigidità muscolare, dovuta alla contrattura muscolare che si scatena come difesa naturale dal dolore.
• Rigidità articolare, che può essere più evidente al risveglio o dopo un periodo di inattività.
• Perdita di flessibilità, e limitazioni nei movimenti.
• Crepitio articolare, udibile durante il movimento passivo dell’articolazione.
• Speroni ossei, avvertibili come noduli, che si possono formare attorno all’articolazione colpita da artrosi.

Cause e Fattori di rischio

L’artrosi compare quando la cartilagine che ricopre le estremità delle ossa delle articolazioni si deteriora e causa irritazione. Se la cartilagine arriva a consumarsi completamente, può verificarsi uno sfregamento di osso su osso con conseguente danneggiamento delle articolazioni e insorgenza di dolore.

Artrosi
I fattori che provocano l’artrosi nella maggior parte dei casi non sono chiari ma si suppone ci sia una combinazione di più elementi, tra cui:

il processo di invecchiamento;
presenza di lesioni;
ereditarietà;
debolezza muscolare;
obesità;


I fattori che contribuiscono ad aumentare il rischio di artrosi sono:

• Età, l’artrosi si verifica in genere negli adulti più anziani. Le persone sotto i 40 anni raramente presentano l’osteoartrite.
• Sesso, le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare l’osteoartrite.
• Deformità ossee, alcune persone presentano dalla nascita malformazioni ossee con articolazioni e cartilagini difettose che possono aumentare il rischio di osteoartrite.
• Lesioni articolari, attività sportive o incidenti sono tra le maggiori cause.
• Obesità, l’eccesso di peso provoca maggiori sollecitazioni sulle articolazioni, come nel caso delle ginocchia.
• Alcune tipologie di occupazioni, attività ripetitive che interessano una particolare articolazione possono predisporre lo sviluppo dell’artrosi.
• Altre patologie: la gotta, l’artrite reumatoide, la malattia di Paget o l’artrite settica possono aumentare il rischio di sviluppo dell’osteoartrite.

Artrosi

L'artrosi curata con l'ozono

L’azione antinfiammatoria della miscela di ossigeno-ozono ha determinato il suo uso anche a livello articolare, inizialmente nell’articolazione del ginocchio, negli ultimi anni anche nell’anca, sia all’interno dell’articolazione che nelle sue immediate vicinanze (infiltrazione periarticolare). La somministrazione deve avvenire con guida ecografica.

L'associazione ozonoterapia-acido ialuronico rappresenta invece una terapia caratterizzata dall’azione di due sostanze che si sommano, all’azione antinfiammatoria dell’ozono si somma infatti la capacità lubrificante dell’acido ialuronico (componente fondamentale del liquido sinoviale, cioè del liquido presente nelle nostre articolazioni che proteggere la cartilagine dall’usura). Il gas iniettato nell’articolazione con guida ecografica permette anche una migliore visualizzazione dell’anca, confermando ulteriormente la corretta sede d’iniezione.

Fonte: ...